Chi è Jack Frost?

jack_zpsf2e73dfd.jpg

Sta notte potevate trovarmi completamente rannicchiata sotto le coperte a guardare “Le 5 Leggende” con l’entusiasmo di una bambina. Ormai avrete capito che, nonostante i miei 15 anni, sono ancora una sognatrice capace di stupirsi di tutto e ancora amante dei fantastici film d’animazione che troppo spesso vengono ignorati da adolescenti e adulti…e di tutto questo non mi vergogno, anzi…

Credo di non essere l’unica ad essere rimasta “innamorata” del personaggio “Jack Frost” e oggi non voglio fare solo una recensione a un film che incoraggia a credere nell’impossibile, voglio scendere più a fondo nella storia di questo personaggio…

Jack Frost non nasce come personaggio computerizzato della Dreamworks, ha origini molto più antiche…si tratta di una leggenda anglossasone che lo vede come collaboratore di Babbo Natale. Secondo le tradizioni gli vengono attribuiti nomi differenti: Padre Inverno, Jack Brina, Jokul Frosti…

rise_of_the_guardians_05.png

E’ la personificazione dello spirito dell’inverno ed è responsabile del ghiaccio, della brina, del freddo e della neve e anche della colorazione delle foglie in autunno; un’altra sua rappresentazione è infatti quella che lo vede andare per la foresta a tinteggiare le foglie degli alberi con un pennello e una tavolozza ricca di colori…

Babbo Natale, Coniglio Pasquale, Fata dei Denti, Sandman…quanti personaggi incredibili a cui possiamo scegliere se credere o meno, la scelta spetta solo a noi.Rise of the Guardians.jpg

Ora, ogni volta che vedrò una greca di ghiaccio o sentirò un soffio di vento non potrò fare a meno di pensare che forse, da qualche parte, si nasconde Jack Frost.

E tu? Tra un mondo di colori, di fiducia e speranza e uno in toni di grigio che si basa solo su ciò che vedi, cosa scegli?

Te lo stai davvero domandando?

.fantasia-tuttacronaca.jpg

Arriva al Cinema…

Snoopy and Friends.1

Snoopy and Friends

Il nostro amico Snoppy apparirà il 5 novembre sui maxischermi in tutta Italia. Come sarà vedere il mitico bracchetto in 2D e addirittura in 3D?

Speriamo che questa modernizzazione non modifichi il carattere di Snoopy e di tutti i suoi amici, quanto saranno stati fedeli gli sceneggiatori ai personaggi creati da Schulz?

Lo sapremo solo fra 10 giorni…per adesso sono in grande attesa.

Per ora posso dire solo che guardando il trailer sembra essere molto carino, ma non mi sbilancerei troppo.

Snoopy and Friends

Non vedo l’ora del giorno in cui sprofonderò nella poltroncina rossa del cinema con in mano il mio bicchierone pieno di pop corn e le luci si spegneranno per lasciare spazio a Charlie Brown, Lucy, Linus, Piperita Patty, Pig Peng, Sally, Woodstock e naturalmente Snoopy che sarà alle prese con due problemi: fronteggiarsi sopra le nuvole con il suo arcinemico “il Barone Rosso” e aiutare Charlie Brown a fare colpo sulla ragazzina dai capelli rossi, personaggio a cui potremo per la prima volta dare un volt, infatti nelle strisce (parlo ristrettamente a quelle che ho letto fin’ora, ma credo di non errare estendendo il discorso in generale) non era mai apparsa!

Appuntamento fra 10 giorni!

Snoopy and Friends.2

Trailer:

Dragon Trainer

Dragon Trainer.1

Mi chiedo come io abbia potuto perdermi questo film d’animazione per tutto questo tempo!

Non so come mai non mi aveva mai convinta fino in fondo, meno male che ho conosciuto una persona innamorata di questo film e dei suoi simpaticissimi personaggi e così sono stata convinta a piazzarmi davanti allo schermo per un’ora e mezza…e devo ammettere che è stata un’ora e mezza davvero piacevole!

Il film racconta la storia di Hiccup, un giovane vichingo che, a differenza di tutti gli altri, non sente “nell’uccidere i draghi” la sua vocazione.

Lui è diverso.

Vive in un villaggio che spesso viene preso di mira da diverse varietà di draghi e i vichinghi più forti hanno lo scopo di combatterli. E’ questo il sogno di Hiccup, magrolino e debole; diventare un cacciatore di draghi.

Questo fino a che non avviene il suo incontro con Sdentato in maniera inaspettata.

maxresdefault

Sdentato è una “furia buia”, uno dei draghi considerati più pericolosi, ma Hiccup scoprirà il suo lato giocherellone e amorevole aiutandolo a riprendersi da una brutta ferita. Lo ha addomesticato. (E qui non ho potuto fare a meno di pensare al Piccolo Principe e alla Volpe)

Dragon_Trainer

Hiccup, con l’aiuto di Astrid, una ragazza molto agguerrita che partecipava con lui alle sedute di addestramento di uccisione di draghi, scopre che i draghi li attaccano per necessita:

c’è una bestia ancor più grossa e più cattiva che sfrutta i draghi per farsi portare le risorse necessarie, risorse che essi sono costretti a rubare agli uomini.

L’amicizia tra Hiccup e un drago viene però scoperta e così viene svelato anche il nido dei draghi.

I vichinghi partiranno subito per andare a distruggere il nido sterminando i meravigliosi animali.

Riuscirà Hiccup a impedire la morte dei suoi nuovi amici mettendo in guardia il suo popolo della presenza della bestia feroce e immensa che li attende?

dragon-trainer-2-evidenza

Che gusto c’è se vi dico anche questa?

Questo film  insegna che essere diversi dagli altri vuol dire essere speciali. Unici.

Insegna a non arrendersi anche quando ci si sente soli.

Insegna l’amicizia verso chi è diverso.

Vi auguro buona visione, cercherò di tornare il prima possibile con la recensione del seguito, sperando che regali altrettanto divertimento e piacere.

dragon_trainer_2_poster_ita

Alla prossima puntata 🙂

Big Hero 6

Big Hero 6

Hiro è un ragazzino di 14 anni orfano da parte dei due genitori (come quasi tutti i supereroi d’altronde…quando inventeranno un supereore con una famiglia viva e felice sarà la cosa più innovativa dell’universo supereroi, perchè, facciamo un po’ il conto: Spiderman alias Peter Parker è orfano di genitori e muore anche lo zio; Iron Man, aveva un padre distaccato ed è orfano di madre…) con un altissimo quoziente intellettivo che però spreca le sue giornate a combattere negli illegali “BotDuelli” ovvero i combattimenti fra robot.

Il fratello maggiore, Tadashi, cerca di fargli capire che sta sprecando il suo dono ma Hiro procede sempre per la sua strada, fino a che, un giorno, non capita nella “scuola dei nerd” del fratello e conosce i bizzarri amici di Tadashi tutti imegnati a sviluppare merabigliose invenzioni: c’è “Gogo” (tutti hanno un soprannome affibbiatogli da Fred, la mascotte della scuola e amico bizzarro del gruppo) una ragazza acida che sta lavorando ad una bici con “sospensioni elettromagnetiche”, “Honey Lemon” che sta creando uno spray in grado di polverizzare qualsiasi oggetto e via così…
Tadashi mostra dunque anche il suo esperimento a Hiro…si tratta di Baymax e fin dalla sua prima entrata vi farà, perlomeno, sorridere. Baymax è progettato per essere un “operatore sanitario” dall’aspetto rassicurante e coccoloso, sembra qausi un marshmallow gigante, e il suo cervello è costituito da un dischetto su cui sono installati varie nozioni di medicina e pronto soccorso.

Da quel momento in poi lo scopo di vita di Hiro non saranno più i BotDuelli, ma entrare nella “scuola dei nerd”.
Tadashi infrma il fratello che la scuola organizza una mostra in cui chiunque può esporre il proprio esperimento, se esso dovesse attirare l’attenzione di Robert Callaghan, il professore addetto al laboratorio dei nerd, ti potevi considerare ammesso.
Hiro comincia dunque a mettersi all’opera e da vita ai microbot…una serie di minuscoli robot (che a me ricordano molto i geomag…sapete le calamitine con le biglie che potete assemblare in tutti i modi?) in grado di collaborare tra loro e costrire cose improponibili, come dice Hiro stesso l’unico limite di microbot è l’immaginazione, infatti essi sono controllati attraverso un “trasmettitore neurale” che consiste in una fascetta da tenere sulla testa che legge i oensieri di chi la indossa e trasmette il messaggio ai microbot.
Questa straordinaria invenzione permetterà a Hiro di entrare nella scuola dei nerd, ma poco dopo un incendio divampa sul luogo della mostra prendendosi le vite di Tadashi Hamada e del professor Callaghan.

Hiro sarà distrutto dalla morte del fratello ma ci penserà Baymax a tirarlo su di morale.
Insieme scopriranno che l’incendio è stato causato da un uomo misterioso per rubare i microbot…ne sta costruendo a migliaia per utilizzarli per recuperare qualcosa dal fondo dell’oceano. Hiro si pone come obbiettivo quello di “acciuffare” questo ladro misterioso e vendicare la morte del fratello. Per farlo inserisce un altro disco nella mente di Baymax contenente i dati di svariate mosse di combattimento e lo dota di un’armatura.
La cosa però si farà più seria del previsto quando si renderanno conto di non poter competere con questo nemico misterioso, un uomo portante una maschera e in grado di controllare tutti i microbot.

A questo punto i ragazzi della scuola dei nerd vengono a conoscenza di questo nemico da combattere responsabile della morte di Tadashi e ipotizzano si tratti di Alistar Krai, un uomo d’affari che aveva proposto a Hiro di vendergli i microbot, ma il ragazzino aveva rifiutato.

Per combattere questa minaccia i ragazzi creano una squadra dotata di armature realizzate grazie al loro incomprabile genio e anche Baymax farà parte del loro invincibele gruppo.

La stora proseguirà tra molte risate e qualche piccolo colpo di scena che non ho intenzione di anticiparvi!
Buona visione.

Qui sotto seguirà il link del trailer, che è solo un piccolissimo assaggio

Hiro Hamada

 (quello qui sopra è Hiro Hamada, da me disegnato)