Quelli dell’artistico…

Une-galerie-d-art-en-ligne-KAZoART.jpg

Quelli dell’artistico si sono un po’ stancati di sentirsi dire che la loro scuola è inutile e che si disegna e basta. È un mito comune un po’ troppo diffuso che va sfatato…si sa, tra gli adolescenti ci sarà sempre la rivalità del “la mia scuola è migliore della tua” anche se non se ne capisce bene il motivo (dato che a scuola ci andiamo tutti quindi siamo sfigati uguali, scusate il francesismo) e così questa sera raccolgo qui i pensieri più diffusi e condivisi tra i ragazzi dell’artistico che troppo spesso non vengono presi in considerazione da tutti gli altri (liceali).

  • Quelli dell’artistico ci tengono a dirvi che se si chiama LICEO un motivo ci sarà.
  • Quelli dell’artistico, dopo aver studiato come voi filosofia, letteratura, storia, inglese, chimica, fisica, matematica ecc si ritrovano a mezzanotte a ripassare a china la tavola di geometriche…
  • …quelli dell’artistico, quando alle due di notte stanno finalmente ripassando l’ultima riga della tavola di geometriche sbavano e gli tocca ricominciare da capo (perchè due volte su tre usando la lametta bucano il foglio)
  • Quelli dell’artistico vogliono dire a tutti quelli che sostengono che noi non si fa nulla che mentre voi siete ancora ad Aristotele noi abbiamo finito il programma di filosofia e abbiamo cominciato quello di quarta.
  • Quelli dell’artistico si beccano tre in plastiche perchè un primino @?*%%! (ancora devo trovarlo) ha spostato la loro statua sopra il calorifero prima che fosse finita e quella si è seccata, crepata e distrutta una settimana prima della consegna.
  • Quelli dell’artistico si ritrovano in piena notte a dover disegnare ventiquattro piedi copiandoli da quelli di Piero della Francesca (e prendono cinque meno meno perchè dopo i primi sei hanno cominciato a farli tutti uguali).
  • Quelli dell’artistico fanno trentacinque ore alla settimana.
  • Quelli dell’artistico spendono 60 centesimi ogni mattina per comprare un foglio.
  • Quelli dell’artistico a volte si ritrovano un adorabile cugino\cane\gatto\migliore amico che immancabilmente si siede sulla tavola di geometriche il giorno prima della consegna.
  • Quelli dell’artistico arrivano a casa con più trementina nei polmoni che ossigeno.
  • Quelli dell’artistico, considerati drogatissimi, vorrebbero far notare che quando è stata fatta la retata antidroga tutti quelli che son stati beccati erano dello scientifico di fronte.
  • Quelli dell’artistico non si fanno più problemi a girare coi pantaloni sporchi, tanto tra tempere, olio, gesso, creta, plastilina, cera…ce n’è sempre una.
  • Quelli dell’artistico passano tre quarti della loro vita a lavare i pennelli.
  • Quelli dell’artistico detestano le persone che dicono “Ah vai all’artistico, sei bravo a disegnare?”
  • Quelli dell’artistico si ritrovano costretti a Natale a disegnare i bigliettini per i parenti.
  • Quelli dell’artistico devono andare in vacanza con una valigia solo per gli strumenti da disegno perchè avranno qualche centinaio di tavola da fare “per non perdere la mano”
  • Quelli dell’artistico si ritrovano a spacciare gomme perchè il professore gliele ritira perchè sostiene che un vero artista non cancella.
  • Quelli dell’artistico passano così tanto tempo a fare tavole che dimenticano quanto sia bello fare un disegno per il gusto di farlo.
  • Quelli dell’artistico si sentono ripetere ogni giorno che si ritroveranno a vivere sotto i ponti.
  • Quelli dell’artistico vorrebbero dire che se hai una verifica e studi non hai problemi, se hai una verifica di disegno e quel giorno proprio i disegni non ti vengono non c’è nulla che tu possa fare.

 

Quelli dell’artistico sopportano tutto questo perchè loro, a scuola, stanno bene. Perchè all’artistico nessuno ti giudica per come ti vesti, per come cammini, per cosa leggi o cosa ascolti. Perchè siamo stravaganti. Perchè in giro per i corridoi parliamo con tutti, anche se non li conosciamo. Perchè è troppo bello tornare a casa ed esclamare “oggi ho fatto un piede di creta!” ed essere davvero soddisfatti di ciò. Perchè quando torniamo a casa che puzziamo di olio di lino e con le mani sporche ci sentiamo vivi. Perchè siamo artisti, siamo diversi, e non ce ne frega niente se voi pensate di studiare di più: sapete che vi dico? Forse è vero, studierete anche di più; tenevi pure tutte le vostre ore di matematica, noi almeno ci emozioniamo davanti al David di Michelangelo e ogni tanto, quando un disegno ci viene proprio bene, ci sentiamo un po’ Van Gogh.

Annunci

4 pensieri su “Quelli dell’artistico…

  1. Evviva evviva evviva🎉🎉🎉🎉
    Sono d’accordo!!!
    Siete geni, siete sognatori, siete avventurieri in un universo spaventoso.
    Ma siete colorati e sapete cogliere ciò che ad altri, non è concesso …….

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...